Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /web/htdocs/www.nikosimo.it/home/nikoblog/wp-includes/cache.php on line 36 Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /web/htdocs/www.nikosimo.it/home/nikoblog/wp-includes/query.php on line 21 Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /web/htdocs/www.nikosimo.it/home/nikoblog/wp-includes/theme.php on line 540 NikoSimo » annunci

Archivio della Categoria 'annunci'

Addio Peppina

Lunedì 1 Dicembre 2008

Stanotte Peppina è andata in Cielo, per abbracciare il Creatore che tanto ha amato in vita. Sono consapevole di avere una nuova Santa in Paradiso che intercede per tutti noi.

Addio  Peppina.

Scene di ordinario regime

Lunedì 3 Novembre 2008

tratto dal sito  L’altra voce

Un camion carico di spranghe, l’attacco è premeditato, in piazza Navona la polizia copre i fascisti: “sono di sinistra”

Aveva l’aria di una mattina tranquilla nel centro di Roma. Nulla a che vedere con gli anni Settanta. Negozi aperti, comitive di turisti, il mercatino di Campo dè Fiori colmo di gente. Certo, c’era la manifestazione degli studenti a bloccare il traffico. “Ma ormai siamo abituati, va avanti da due settimane” sospira un vigile. Alle 11 si sentono le urla, in pochi minuti un’onda di ragazzini in fuga da Piazza Navona invade le bancarelle di Campo dè Fiori. Sono piccoli, quattordici anni al massimo, spaventati, paonazzi.

Davanti al Senato è partita la prima carica degli studenti di destra. Sono arrivati con un camion carico di spranghe e bastoni, misteriosamente ignorato dai cordoni di polizia. Si sono messi alla testa del corteo, menando cinghiate e bastonate intorno. Circondano un ragazzino di tredici o quattordici anni e lo riempiono di mazzate. La polizia, a due passi, non si muove.

Sono una sessantina, hanno caschi e passamontagna, lunghi e grossi bastoni, spesso manici di picconi, ricoperti di adesivo nero e avvolti nei tricolori. Urlano “Duce, duce”. “La scuola è bonificata”. Dicono di essere studenti del Blocco Studentesco, un piccolo movimento di destra. Hanno fra i venti e i trent’anni, ma quello che ha l’aria di essere il capo è uno sulla quarantina, con un berretto da baseball. Sono ben organizzati, da gruppo paramilitare, attaccano a ondate. Un’altra carica colpisce un gruppo di liceali del Virgilio, del liceo artistico De Chirico e dell’università di Roma Tre. Un ragazzino di un istituto tecnico, Alessandro, viene colpito alla testa, cade e gli tirano calci. “Basta, basta, andiamo dalla polizia!” dicono le professoresse.

Seguo il drappello che si dirige davanti al Senato e incontra il funzionario capo. “Non potete stare fermi mentre picchiano i miei studenti!” protesta una signora coi capelli bianchi. Una studentessa alza la voce: “E ditelo che li proteggete, che volete gli scontri!”. Il funzionario urla: “Impara l’educazione, bambina!”. La professoressa incalza: “Fate il vostro mestiere, fermate i violenti”. Risposta del funzionario: “Ma quelli che fanno violenza sono quelli di sinistra”. C’è un’insurrezione del drappello: “Di sinistra? Con le svastiche?”. La professoressa coi capelli bianchi esibisce un grande crocifisso che porta al collo: “Io sono cattolica. Insegno da 32 anni e non ho mai visto un’azione di violenza da parte dei miei studenti. C’è gente con le spranghe che picchia ragazzi indifesi. Che c’entra se sono di destra o di sinistra? È un reato e voi dovete intervenire”.

Il funzionario nel frattempo ha adocchiato una telecamera e il taccuino: “Io non ho mai detto: quelli sono di sinistra”. Monica, studentessa di Roma Tre: “Ma l’hanno appena sentito tutti! Chi crede d’essere, Berlusconi?”. “Lo vede come rispondono?” mi dice Laura, di Economia. “Vogliono fare passare l’equazione studenti uguali facinorosi di sinistra”. La professoressa si chiama Rosa Raciti, insegna al liceo artistico De Chirico, è angosciata: “Mi sento responsabile. Non volevo venire, poi gli studenti mi hanno chiesto di accompagnarli. Massì, ho detto scherzando, che voi non sapete nemmeno dov’è il Senato. Mi sembravano una buona cosa, finalmente parlano di problemi seri. Molti non erano mai stati in una manifestazione, mi sembrava un battesimo civile. Altro che civile! Era stato un corteo allegro, pacifico, finché non sono arrivati quelli con i caschi e i bastoni. Sotto gli occhi della polizia. Una cosa da far vomitare. Dovete scriverlo. Anche se, dico la verità, se non l’avessi visto, ma soltanto letto sul giornale, non ci avrei mai creduto”.

Alle undici e tre quarti partono altre urla davanti al Senato. Sta uscendo Francesco Cossiga. “È contento, eh?” gli urla in faccia un anziano professore. Lunedì scorso, il presidente emerito aveva dato la linea, in un intervista al Quotidiano Nazionale: “Maroni dovrebbe fare quel che feci io quand’ero ministro dell’Interno (…) Infiltrare il movimento con agenti pronti a tutto, e lasciare che per una decina di giorni i manifestanti devastino le città. Dopo di che, forti del consenso popolare, il suono delle sirene delle ambulanze dovrà sovrastare quello delle auto della polizia. Le forze dell’ordine dovrebbero massacrare i manifestanti senza pietà e mandarli tutti all’ospedale. Picchiare a sangue, tutti, anche i docenti che li fomentano. Magari non gli anziani, ma le maestre ragazzine sì”.

È quasi mezzogiorno, una ventina di caschi neri rimane isolata dagli altri, negli scontri. Per riunirsi ai camerati compie un’azione singolare, esce dal lato di piazza Navona, attraversa bastoni alla mano il cordone di polizia, indisturbato, e rientra in piazza da via Agonale. Decido di seguirli ma vengo fermato da un poliziotto. “Lei dove va?”. Realizzo di essere sprovvisto di spranga, quindi sospetto. Mentre controlla il tesserino da giornalista, osservo che sono appena passati in venti. La battuta del poliziotto è memorabile: “Non li abbiamo notati”.

Dal gruppo dei funzionari parte un segnale. Un poliziotto fa a un altro: “Arrivano quei pezzi di merda di comunisti!”. L’altro risponde: “Allora si va in piazza a proteggere i nostri?”. “Sì, ma non subito”. Passa il vice questore: “Poche chiacchiere, giù le visiere!”. Calano le visiere e aspettano. Cinque minuti. Cinque minuti in cui in piazza accade il finimondo. Un gruppo di quattrocento di sinistra, misto di studenti della Sapienza e gente dei centri sociali, irrompe in piazza Navona e si dirige contro il manipolo di Blocco Studentesco, concentrato in fondo alla piazza. Nel percorso prendono le sedie e i tavolini dei bar, che abbassano le saracinesche, e li scagliano contro quelli di destra.

Soltanto a questo punto, dopo cinque minuti di botte, e cinque minuti di scontri non sono pochi, s’affaccia la polizia. Fa cordone intorno ai sessanta di Blocco Studentesco, respinge l’assalto degli studenti di sinistra. Alla fine ferma una quindicina di neofascisti, che stavano riprendendo a sprangare i ragazzi a tiro. Un gruppo di studenti s’avvicina ai poliziotti per chiedere ragione dello strano comportamento. Hanno le braccia alzate, non hanno né caschi né bottiglie. Il primo studente, Stefano, uno dell’Onda di scienze politiche, viene colpito con una manganellata alla nuca (finirà in ospedale) e la pacifica protesta si ritrae.

A mezzogiorno e mezzo sul campo di battaglia sono rimasti due ragazzini con la testa fra le mani, sporche di sangue, sedie sfasciate, un tavolino zoppo e un grande Pinocchio di legno senza più una gamba, preso dalla vetrina di un negozio di giocattoli e usato come arma. Duccio, uno studente di Fisica che ho conosciuto all’occupazione, s’aggira teso alla ricerca del fratello più piccolo. “Mi sa che è finita, oggi è finita. E se non oggi, domani. Hai voglia a organizzare proteste pacifiche, a farti venire idee, le lezioni in piazza, le fiaccolate, i sit in da figli dei fiori. Hai voglia a rifiutare le strumentalizzazioni politiche, a voler ragionare sulle cose concrete. Da stasera ai telegiornali si parlerà soltanto degli incidenti, giorno dopo giorno passerà l’idea che comunque gli studenti vogliono il casino. È il metodo Cossiga. Ci stanno fottendo”.

Severina non c’è più

Martedì 7 Ottobre 2008

Oggi il Padre ha richiamato a sè l’anima della nostra consorella Severina.

Ci stringiamo in preghiera a Didda Giovanna e Nicola che hanno amorevolmente accudito la loro mamma in questi mesi di malattia.

Con infinito affetto, un abbraccio
Nicola, Simona, Antonio e Stefano Bulla

Nuovo consiglio per il JUG Sardegna

Venerdì 19 Settembre 2008

Lo Java User Group della Sardegna ha da ieri (ndr: 18-09-08) un nuovo consiglio direttivo. Una risicata assemblea composta dai soliti volti noti ha deliberato di incrementare il numero dei consiglieri da 6 a 7 ed ha proceduto con l’elezione del nuovo consiglio direttivo con voto unanime per ciascuno dei candidati.

Alla vecchia guardia composta da Fabrizio Gianneschi, Massimiliano Dessì, Nicola Mura, Nicola Asuni e Sandro Pinna si sono aggiunti Antonio Pintus e Luca Porcu. Al ringraziamento per il lavoro svolto al “vecchio” consiglio oltre che al consigliere uscente Walter Ambu che non ha presentato la propria candidatura, si aggiungono i miei migliori auguri per un buon lavoro e un grosso in bocca al lupo!

Fiori d’arancio

Giovedì 27 Marzo 2008

Piersi ed io

Ebbene sì cari amici, finalmente ho trovato la soluzione definitiva al precariato!

Grazie al carissimo Silvio, amico di tutti gli italiani più di Topo Gigio e del mago Zurlì, di Goldrake o Mazinga, ho finalmente trovato la soluzione: sposerò Piersilvio!

Babbo Silvio non era molto daccordo per via di quella storia dei pacs e dei dico che quella banda di comunisti mangiatori di bambini volevano a tutti i costi imporre a noi italiani veri, più veri di Toto Cutugno, ma alla fine ha ceduto: Piersilvio ed io ci sposeremo con rito di scientology, così io non dovrò neanche divorziare per lo stato nè chiedere l’annullamento alla Sacra Rota (che tanto non me lo darebbe!).

Poi Silvio è pure contento che io stia seguendo le sue  impronte, anch’io come lui amante della famiglia, me ne farò più di una per godermele entrambe!

Adesso sono proprio tranquillo! Sposo un miliardario, per di più figlio di Berlusconi e mi godo la vita senza problemi, tanto il babbo di Piersi si occuperà di tener lontani da noi paparazzi, G.d.F., giudici e pure la polstrada, farà tante leggi per garantirci un futuro prospero e redditizio, a noi non resterà che frequentare qualche stalliere.

Saluti a tutti da un ormai ex lavoratore precario!