Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /web/htdocs/www.nikosimo.it/home/nikoblog/wp-includes/cache.php on line 36 Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /web/htdocs/www.nikosimo.it/home/nikoblog/wp-includes/query.php on line 21 Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /web/htdocs/www.nikosimo.it/home/nikoblog/wp-includes/theme.php on line 540 NikoSimo » 2010» Novembre

Archivio di Novembre 2010

Pizzolaio

Venerdì 19 Novembre 2010

StefanoDicesi comunemente pizzolaio colui che, dotato di idoneo mezzo di trasporto fornito di relativo contenitore, consegna a domicilio, a seguito di opportuna prenotazione, alcune scatole contenenti la pizza, possibilmente al gusto di “pizza dell’Uomo Lagno”.

Ex: Mamma: “Stefano, oggi chi le porta le pizze?”.
Stefano: “Il pizzolaio!”.

(Stefano Bulla)

Acie

Giovedì 18 Novembre 2010

MargheritaAcie è una formula linguistica comunemente utilizzata per indicare una certa forma di riconoscenza nei confronti di qualcuno che ha reso un favore.

Ex: Mamma: “Ecco l’acqua!”.
Margherita: “Acie!“.

(Margherita Bulla)

Oh oh!

Giovedì 18 Novembre 2010

MargheritaDicesi comunemente Oh oh una gentile ed esplicita richiesta di aiuto al fine di recuperare un oggetto - generalmente una posata - che è accidentalmente caduto dal tavolo.

Ex: TLIN, TLIN!!!
Margherita: “Oh oh!“.
Babbo: (raccogliendo la forchetta) “Ecco stai attenta!”.
Margherita: “Acie!”.

(Margherita Bulla)

Sei

Giovedì 18 Novembre 2010

MargheritaDicesi comunemente sei il numero cinque.

Ex: Babbo: “Pupa, dammi un cinque!”.
CLAP!!!
Margherita
: “SEI!”.

(Margherita Bulla)

Paperato

Domenica 14 Novembre 2010

StefanoPart. pass. del verbo paperare (Anche in forma riflessiva: paperarsi). Indica comunemente una sequenza di azioni o incombenze da attendere al fine di conseguire l’abilitazione ad una determinata condizione o l’accesso ad un evento particolare.

Ex: Babbo: “Stefano, sei pronto per uscire?”.
Stefano: “Si babbo! mi sono paperato!”.

(Stefano Bulla)